Media » Press Releases

Le revenue pubblicitarie generate su TV connessa presentano il più rapido incremento tra i paesi dei Big Five: Francia, Germania, Spagna, Italia e UK, con un tasso annuo di crescita composto dell’ 80%

Ci si aspetta che nel 2020 il mercato italiano raggiunga la cifra di €105 milioni di raccolta pubblicitaria su Tv connessa

MILANO, 10 ottobre 2017- SpotX rivela oggi i risultati dello studio condotto sull’ecosistema dell’advertising su TV connessa in Europa. Portato a termine da MTM, azienda specialista nella ricerca e nelle consulenze strategiche, lo studio analizza le prospettive dell’industria: quali sono le tendenze, gli elementi facilitatori e gli ostacoli che influiranno sulla spesa nell’advertising su TV connessa nei principali mercati d’Europa. I leader nazionali del settore pensano che, negli anni a venire, il mercato italiano presenterà la crescita più rapida.

Realizzato tramite un ampio programma di ricerche e analisi, interviste con esperti nazionali del settore e seminari condotti sui vari mercati, questo studio suggerisce che l’advertising su TV connessa (spot video visualizzati su una TV connessa ad internet attraverso un dispositivo streaming, come una Smart TV, una game console o un set-top box /decoder), crescerà a partire da una base relativamente piccola fino a raggiungere circa €105 milioni di Euro nel 2020; con un tasso annuo di crescita dell’80% tra il 2017 e il 2020.

I dirigenti delle aziende locali credono che l’uso della TV connessa crescerà velocemente in Italia perché i consumatori sembrano spendere molto nelle nuove tecnologie, specialmente nelle Smart TV. Al momento solo circa il 59% delle case italiane utilizza connessione a banda fissa, il che limita l’adozione della TV connessa. Nonostante ciò, gli esperti pensano che la situazione migliorerà a breve, considerando che l’aumento in termini di qualità e accesso dell’internet a banda larga, sia in regioni urbane come in quelle rurali, stia facilitando lo sviluppo di un ecosistema per la TV connessa.

L’advertising su TV connessa rappresenta nuove ed attraenti opportunità per molti advertiser, poiché permette ai brand di rivolgersi a audience specifici durante i programmi TV più seguiti, usando una strategia di utilizzo su svariati dispostivi. A proposito di questa ricerca, Fabio Zoboli, Managing Director di SpotX Italia spiega: “ Gli advertiser riconoscono che la TV connessa permette loro di realizzare advertising in maniera diretta, con tutti i benefici della pubblicità dello schermo TV come il sound e il movimento, sfruttati ad effetto durante i programmi TV più seguiti.

Ci aspettiamo un incremento notevole nel numero di programmi seguiti su TV connessa, con i relativi spazi pubblicitari, soprattutto il prossimo anno quando molti investiranno nella tecnologia TV per godersi i mondiali di calcio sul miglior schermo possible, e dando quindi la possibilità ai brand e alle loro agenzie media di arrivare ad un pubblico mirato”.

Nick Thomas, Associate Director press MTM aggiunge: “Siamo rimasti colpiti dalla sicurezza con cui i dirigenti locali hanno predetto che il mercato dell’advertising su TV connessa avrà un netto incremento nei prossimi tre anni. Advertiser di calibro internazionale, tra cui P&G e Nestlé stanno mostrando interesse nell’acquistare inventory per TV connessa in tutta Europa, offrendo così agli emittenti dei profitti aggiuntivi dai canali live streaming supportati dalla pubblicità e da quelli catch-up (AVOD)”.

Zoboli conclude: “il calcolo totale dell’audience, sviluppato da Auditel (che aggiunge all’audience tradizionale gli spettatori che utilizzano dispositivi digitali, permettendo un calcolo più universale NdT ) entrerà in azione nel 2018, garantendo all’Italia una più rapida adozione della TV connessa assicurando un migliore ed universale sistema di misurazione. Innovazioni di questo tipo ed una tecnologia che é sempre in sviluppo, faranno sì che questo settore abbia ulteriori incentivi per investire sul potenziale della TV connessa.

Lo studio The Connected TV Advertising Opportunity in Europe, disponibile presso SpotX analizza gli elementi a favore e gli ostacoli che la potenziale crescita di profitto dell’advertising incontra sul mercato specifico ad ogni nazione. La ricerca prevede un aumento rapido dell’advertising su TV connessa alla rete, attraverso l’utilizzo di dispositivi streaming, di smart TV, game console e di set-top box, il tutto facilitato dai miglioramenti dell’accesso e velocità della connessione a banda larga. In Europa, l’Italia é risultata la nazione con il più alto tasso di crescita predetto, con a seguito Francia, Germania e Spagna.

Chi Siamo: SpotX

SpotX è una piattaforma video ad serving che fornisce ai proprietari media strumenti di monetizzazione per desktop, mobile e connected device. La piattaforma è costituita da un moderno ad server, un’infrastruttura per il programmatic ed altri tool per la monetizzazione, come ad esempio soluzioni per OTT e formati di outstream video advertising.

SpotX fornisce ai publisher il controllo, la trasparenza e gli insight necessari per analizzare il comportamento dei buyer, gestirne l’accesso, il pricing e massimizzare i ricavi. La società ha il proprio headquarter a Denver, Colorado, ed uffici ad Amsterdam, Belfast, Amburgo, Londra, Los Angeles, New York, Parigi, San Francisco, Stoccolma, Singapore, Sidney e Milano. Ad ottobre 2017, RTL Group, società leader nei settori televisivo e della produzione di contenuti video multimediali, ha concluso il 100% dell’acquisizione di SpotX. Per aggiornamenti, follow SpotX su Twitter e LinkedIn.

Contatti:

Joanna Burton, VP, European Strategy
jburton@spotx.tv

MTM

MTM é una società di consulenza che si occupa di effettuare ricerche a livello internazionale, specializzata nel settore dei media, tecnologia e advertising. MTM supporta clienti nel settore privato, pubblico e no-profit in tutto in moldo, nel comprendere e rispondere ai cambiamenti apportati dallo sviluppo del digitale. Questo é reso possibile da ricerche sui consumatori, analisi dell’industria, consulenze strategiche, appoggio a nuove iniziative imprenditoriali, e aiuto alle imprese nello sviluppo e nelle trasformazioni del business. La strategia di MTM comprende una vasta conoscenza dei settori, una combinazione unica di capacità, competenze e un profondo coinvolgimento con il mercato. Con base a Londra MTM, é una società privata con clienti in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni su MTM contattare Jon Watts: jon.watts@mtmlondon.com

Metodologia

SpotX ha commissionato MTM lo studio sulla prospettive dell’advertising sulla TV connessa, ovvero l’advertising visionato su una TV connessa e trasmesso attraverso la rete. La ricerca, condotta sui principali i mercati di advertising Europa (Regno Unito, Germania, Francia, Italia e Spagna) consiste di tre passaggi principali:

  1. Un esame dei dati sulla TV connessa condotto su cinque mercati, per stabilire informazioni di partenza sui prodotti e servizi digitali a pagamento.
  2. Interviste approfondite con dirigenti e membri dell’industria del broadcasting e dell’advertising, per analizzare le varie opinioni sull’attuale stato e sulle prospettive di sviluppo dell’advertising su TV connessa.
  3. Una serie di seminari sull’industria, tenutisi a giugno e luglio 2017 a Londra, Monaco, Parigi, Milano e Madrid. Ogni seminario comprendeva una fase iniziale di considerazione delle opinioni degli esperti del settore, seguita da una discussione di gruppo a determinare le prospettive dell’advertising su TV connessa nei relativi mercati. Tutte le sessioni sono state condotte aderendo alla regola di Chatham House, per cui non si accettano contribuzioni senza previa autorizzazione.
GO BACK

Get News and Updates from SpotX

Sign up now to receive SpotX updates, news and product information from the leading minds in Ad Tech.